Elementi Navigazione

Progetto Radiologo UFIM

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO DI RICERCA
FINANZIATO DALLA FONDAZIONE BUZZI UNICEM

Attività di supporto al personale medico e sanitario coinvolto nelle sperimentazioni cliniche e nella routine clinica della Unità Funzionale Interaziendale Mesotelioma (UFIM).

PREMESSE

  • La valutazione della risposta al trattamento chemioterapico è un aspetto cruciale in oncologia, a cui è strettamente correlata la decisione clinica se proseguire o meno il trattamento in corso. Sia nella pratica clinica di routine e nell’ambito di studi clinici controllati e non, poter contare su una corretta valutazione da parte del radiologo della risposta al trattamento è fondamentale per la attività dell’oncologo. Per alcuni tumori la valutazione della risposta al trattamento non è semplice ed immediata come lo è per altri. Il mesotelioma è tra i tumori rari solidi dell’adulto quello che probabilmente pone più problemi in questo senso. Invece di crescere in masse discrete e facilmente misurabili prendendo come riferimento il diametro maggiore come in altri tumori, il mesotelioma cresce tappezzando la cornice toracica con ispessimenti più o meno marcati. La difficoltà nella misurazione ha determinato addirittura la definizione di criteri differenti per la valutazione della risposta ad hoc che sono stati presentati alla comunità scientifica oltre 10 anni fa (Byrne e Nowak, Ann of Oncol 2004) ma che sono stati implementati completamente nella ricerca clinica solo da qualche anno. Questi criteri adottano un protocollo specifico (mRECIST per il mesotelioma) e differente da quello convenzionale (RECIST 1.1). Hanno la caratteristica di essere maggiormente riproducibili ma soprattutto di correlare con il miglioramento della funzionalità respiratoria. Maggiore è la risposta mRECIST, migliore è il recupero della funzionalità respiratoria del paziente.
  • Un altro aspetto fondamentale del mesotelioma è la stadiazione, che è basata sulla valutazione della estensione di malattia nel torace e del suo atteggiamento infiltrativo o meno rispetto alle strutture con cui la pleura è a contatto, oltre alla presenza di coinvolgimento linfonodale e della loro sede e alla presenza di metastasi a distanza. La stadiazione è principalmente basata sull’imaging radiologico. Qualche mese fa è stato presentato un nuovo sistema di stadiazione l’Ottava edizione della stadiazione UICC (che sostituirà IMIG1995). Il lavoro per definire questo nuovo sistema è iniziato nel 2010 ed è supportata dall’analisi di un ampio dataset di pazienti 3519 di cui 2460 analizzabili (diagnosticati tra 1995-2013) ed apporta delle modificazioni ai descrittori della estensione tumorale e al raggruppamento finale nella suddivisione in stadi. L’obiettivo è la corretta stratificazione prognostica che aiuti a individuare i gruppi che possono beneficiare da trattamenti multimodali.
  • In ultimo, ma non per importanza, il radiologo contribuisce in maniera sostanziale in fase diagnostica nei pazienti che si presentano senza versamento pleurico per il tempo bioptico, che richiede un expertise particolare e anche in corso di terapie per le procedure invasive che si rendono necessarie per palliare i sintomi che si presentano (versamento pleurico, pericardico, peritoneale)

Da queste premesse emerge chiaro come la figura del radiologo sia fondamentale per la valutazione del paziente con mesotelioma pleurico sia per la corretta strategia terapeutica iniziale, sia per la più idonea decisione in corso di trattamento, nonché la messa in atto di procedure invasive che contribuiscono al controllo dei sintomi. Il radiologo è figura integrante del Gruppo Interdisciplinare Cure GIC Mesotelioma Interaziendale.

CONTESTO LOCALE
Nell’ambito di UFIM ogni anno vengono effettuate oltre 1000 TC (tomografie computerizzate) di pazienti con mesotelioma pleurico per stadiazione o rivalutazione. E sono oltre 80 le procedure invasive effettuate su questi pazienti (toracentesi, paracentesi, biopsie diagnostiche, posizionamento di drenaggio a permanenza). Nell’ambito della Unità Funzionale Interaziendale Mesotelioma (UFIM) sono attualmente in corso 11 clinici sul mesotelioma maligno, di cui 1 di fase II/III o e 3 di fase II sponsorizzati, in cui i protocolli richiedono tassativamente la refertazione degli esami TAC effettuati come valutazione dell’attività del trattamento di studio secondo criteri RECIST modificati. In UFIM attualmente sono gestiti circa 150 paziente inseriti in protocolli sperimentali o trattati con le terapie standard o semplicemente in controllo. Attualmente i pazienti arruolati negli studi interventistici sono circa 35 e in continuo aumento: questo necessita di una professionalità specificamente dedicata a refertare le TAC dei pazienti inseriti in studio, al fine di garantire la qualità dei dati forniti. Anche i pazienti che ricevono terapie standard vengono valutati con i criteri mRECIST e vengono inquadrati con il nuovo sistema di stadiazione per rendere le performance di pratica clinica di qualità elevata quali quelle richieste dai protocolli di ricerca. 
Per quanto riguarda gli studi clinici, il radiologo dedicato rappresenta un elemento richiesto nello staff medico e sanitario che li conduce, fornendo interpretazione e gestione di dati relativi ad esami strumentali dei pazienti arruolati in tempistiche sempre più brevi, dettate dalle norme dei protocolli di studio. La sua figura risulta ancora più importante quale supporto per la refertazione di TAC destinate a subire una revisione centralizzata da laboratori designati dagli sponsor di alcuni studi, criterio sempre più frequentemente previsto dagli studi internazionali sponsorizzati in corso e futuri. Inoltre in seguito alla esperienza che UFIM ha maturato, soprattutto grazie al fatto che sono stati indirizzati negli anni passati finanziamenti ad hoc per la formazione di questa figura, in questi anni di attività spesso vengono richieste secondi pareri da pazienti e familiari di pazienti affetti da mesotelioma proprio per la valutazione di TC effettuate in altri centri di cura che non utilizzano di routine i criteri mRECIST.


OBIETTIVO DEL PRESENTE PROGETTO
1) Dare continuità alla attività della figura del radiologo dedicato che si è distinta come irrinunciabile valore aggiunto nelle routine assistenziali di UFIM

2) diffondere sempre di più la cultura della refertazione specifica dell’imaging del mesotelioma tramite il contatto del radiologo con altri colleghi

3) Consentire ad altri radiologi individuati dal primario di radiologia di acquisire gli strumenti necessari per poter procedere alla refertazione delle TC di rutine utilizzando la nuova stadiazione di malattia e i criteri mRECIST


Gli studi attualmente in corso in cui è prevista necessariamente la refertazione secondo mRECIST sono:
- 8 studi clinici interventistici

- 3 studi clinici osservazionali

Tutti gli studi hanno ottenuto il necessario parere favorevole del Comitato Etico Interaziendale, che ha sede presso l’Azienda Ospedaliera di Alessandria. Saranno inoltre attivati ulteriori studi clinici, per i quali il centro ha già ricevuto conferma di idoneità alla conduzione.


STUDI CLINICI INTERVENTISTICI
- “Double blind, randomised, multicentre, phase II/III study of nintedanib in combination with pemetrexed/cisplatin followed by continuing nintedanib monotherapy versus placebo in combination with pemetrexed/cisplatin followed by continuing placebo monotherapy for the treatment of patients with unresectable malignant pleural mesothelioma” (LUME-Meso)

- “A phase II study on the activity of trabectedin in chemonaive biphasic/sarcomaotid or pretreated malignant pleural mesothelioma (MPM)” (ATREUS)

- “A Randomized, Double-blind, Placebo-controlled Study of the Safety and Efficacy of Amatuximab in Combination with Pemetrexed and Cisplatin in Subjects” (MORAb-009-201)

- “Phase II Study of NGR-hTNF Versus Placebo as Maintenance Treatment in Patients With Advanced Malignant Pleural Mesothelioma” (NGR019)

- “Studio prospettico randomizzato di fase III sull’efficacia della pleurectomia/decorticazione nel trattamento del mesotelioma pleurico maligno” (PASS)

- “A Phase II Trial of Pemetrexed and cisplatin or carboplatin in combination with NovoTTF Therapy as First-line Treatment in Malignant Pleural Mesothelioma” (EF-23)

- “A Phase II Randomized Study of Pembrolizumab in patients with advanced malignant pleural mesothelioma” (IND.227)

- “A double-blind, placebo controlled, Randomized multicenter Phase II Study evaluating Gemcitabine with or without Ramucirumab as II line treatment for advanced malignant pleural mesothelioma” (RAMES)

STUDI CLINICI OSSERVAZIONALI
- “Studio osservazionale registro delle patologie pleuriche e del mesotelioma” (REGCLIN-MM)

- “Progetto di ricerca epidemiologica con dati genetici “Modificatori su base genetica del rischio di mesotelioma " (MESOGENRISK)

- “Progetto di ricerca sugli effetti psicologici dell’esposizione ad amianto in pazienti affetti da mesotelioma pleurico o altra patologia oncologica asbesto correlata“ (AVPM-pazienti)

SONO IN FASE DI ATTIVAZIONE:

- “A randomized , duoble -blind, placebo-controlled Phase III study of anetumab ravtansine (BAY 94-9343) in combination with pemetrexed and cisplatin as 1st treatment in patients with malignat pleural mesothelioma overexpressing mesothelin” (BAY 94-9343)

- “A phase II study to investigate the activity and safety of anti-PD-L1 antibody (Durvalumab) In ADvancEd pretreated malignant pleural Mesothelioma” (DIADEM)

- “Lurbinectedin (PM01183) as systemic chemotherapy in progressive malignant mesothelioma: An early Phase II study” (SAKK 17/16)

- “A randomised Phase II open-label study with a Phase Ib safety lead-in cohort of ONCOS-102, an immune-priming GM-CSF coding oncolytic adenovirus, and pemetrexed/cisplatin in patients with unresectable malignant pleural mesothelioma” (MESOS)

- Polaris Study: Randomized, Double-Blind Phase 2/3 Study in Subjects with Malignant Pleural Mesothelioma with Low Argininosuccinate Synthetase 1 Expression to Assess ADI-PEG 20 with Pemetrexed and Cisplatin (ATOMIC-Meso Phase 2/3 Study)

- “Pembrolizumab and trabectedin in advanced pretreated malignant pleural mesothelioma (MPM)” (PETRA)

- “A single arm multicenter phase II study of Atezolizumab in metastatic pleural mesothelioma progressed during or after one or two systemic treatments” (ML39453)


SINTESI DEL PIANO FINANZIARIO
Si richiede una previsione di spesa di € 30 000,00.

VOCE DI SPESA    
Personale con attività di supporto al personale
medico per 12 mesi    

IMPORTO
€ 30 000,00

(inclusi i costi generali di gestione del
contratto)